STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Quel grosso cazzo nero 3In macchina col guardoneMoglie giovaneUna bella dottoressaLa mia ragazzacognata in astinenza di cazzox giocola mia scopata in vacanza.
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

In piscina con Sabrina-2
TI PIACE IL CULETTO DI SABRINA ?
Dico a Sabrina, “ti è piaciuto, mia bella bimba, da come ti sei agitata mi è sembrato di sì, adesso noi due proviamo a fare un’altra cosa, ti piacerebbe che io penetrassi col mio Pierino nel tuo culetto, girati a pancia sotto e mettiti in ginocchio, con le gambe aperte e con le tue belle braccia stringi i due cuscini, aspetta così che adesso arrivo io, e proviamo una posizione nuova, spero che anche per te sia nuova e che ti piaccia.” Sabrina mentre fa quello che le ho chiesto mi dice “caro Piter, ti ringrazio per il ‘bimba’, che per quanto mi riguarda si tratta di parecchi anni fa, ma se è un complimento lo accetto, per quanto riguarda la prova che vuoi fare, tu puoi fare di me quello che vuoi, io mi sto mettendo a pecorina, per quanto a penetrare il mio culetto, ti dico che non lo so non lo ho mai fatto, lì non c’è mai entrato niente e nessuno, anche perché non me lo ha mai chiesto o fatto nessuno prima d’ora, sei il primo, e visto che sei stato così carino nel chiedermelo ti dico provaci, ma stai attento, ungilo per bene, dentro al comodino trovi la pomata, metticela e tanta, e se ti dico di fermarti fallo subito altrimenti mi arrabbio e non ci sarà un’altra volta tra noi due, ricordatelo, ma ricordati della pomata, se vuoi fare quello che mi hai appena detto di voler fare.” Io mi giro e prendo la pomata, la apro e con il dito medio ne prendo un bel po’ e la spalmo sopra il mio cazzo fino a farlo diventare bianco, poi ne metto un bel po’ sul culetto di Sabrina, che a guardarlo adesso sembra che gli abbia messo un tappo bianco sopra il suo culo nero in mezzo alle sue abbronzate cosce marroni, ne metto un po’ anche sulla sua vagina, in mezzo ai suoi peli neri, un po’ di bianco ci sta proprio bene. Sabrina è sempre ferma con le gambe divaricate, alla pecorina al centro del lettone, io mi posiziono dietro di lei, dietro il suo bel culetto abbronzato e con la pallina di pomata bianca al centro, sto con le mie gambe in mezzo alle sue; appoggio le palme delle mie mani sopra le coscette di Sabrina, con i pollici all’interno, e senza toccare il suo culo, con i miei pollici cerco di tirarlo fuori, lo stimolo ad aprirsi, vedo il tappo bianco di pomata che io gli ho messo sopra che pian pianino si muove, il culo di Sabrina si sta aprendo, proprio come volevo io, più lei lo apre spontaneamente e meno male gli faccio io mentre la penetro e più fa piacere a lei, gli appoggio al suo culo il mio cazzo tutto bianco e penetro nel tappo di pomata che è sopra al centro del suo culetto, poi entro piano, molto piano, intanto con le mie mani vado sotto il corpo di Sabrina cerco le sue sisette toste e dure, me le prendo a mani piene, le stringo un po’ forte entrambe, gli pizzico anche i turgidi capezzoli, questi li stringo forte ché la voglio sentire gemere, no non voglio fargli tanto male, ma un poco sì, così lei non pensa solo alla mia penetrazione nel suo culo, è costretta a pensare ad altro, e Sabrina fa uno strilletto, intanto il mio Pierino è penetrato dentro a Sabrina per metà, chiedo a Sabrina “cara bimba, come va? Ho sentito uno strillo, ti ho fatto male, cosa è stato, è forse colpa del mio Pierino che ti ha fatto male, dimmelo che lo tolgo subito, facciamo un’altra cosa.” Lei mi risponde “caro Piter, tranquillo no non è stato Pierino a farmi strillare, sono state le tue mani, anzi le tue dita, quando mi hai pizzicato forte i miei capezzoli, ma non ho strillato per il male che mi hai fatto ma perché mi piace proprio essere stretta lì, è stato un gridolino di piacere, di godimento, non di dolore, ma dimmi invece a che punto sei, Pierino lo hai infilato tutto dentro, non mi sembra, non sento il tuo corpo a contatto con il mio, allora entra e fammelo sentire tutto dentro, voglio sapere come mi sta, se è della mia misura, se mi piace averlo anche dentro lì, dentro il mio buchino, visto che tu sei il primo che penetra con il suo cazzo nel mio povero culetto.” Io dico” cara bimba mia, no Pierino non è tutto dentro al tuo culetto non lo ho infilato tutto per paura di farti male e poi perché mi hai detto di stare attento ché se ti avessi fatto male non me lo avresti fatto entrare più, non te lo ricordi? Comunque se proprio lo vuoi avere tutto dentro di te datti da fare anche tu, come? Mi dirai, semplice non te lo devo dire io, basta che tu vieni indietro con il tuo culo, spingi il culo verso di me che sono qui dietro e vedrai, anzi sentirai come lui entra, lo puoi far entrare come, quanto e quando vuoi tu”, sento Sabrina che fa quello che le ho appena detto, indietreggia con il suo corpo, e così spinge indietro il suo culo e il mio cazzo scivola dentro al suo corpo sempre di più, ora è entrato tutto, i miei peli e le mie palle sono a stretto contatto con le chiappe di Sabrina che si muove in tutte le direzioni per sistemarlo e sentirselo bene dentro di sé e Pierino mi dice che qui dentro fa molto caldo. Stantuffo un pochino il mio cazzo dentro al culo di Sabrina, poi lo sfilo il mio uccellino dal culetto di Sabrina, prima che se ne viene; Pierino è sempre tutto bianco di pomata, e uscendo fa flop, come un tappo che esce dalla bottiglia di spumante quando la si apre.
Ci facciamo un signor 69, bello e ricco.
Ora Sabrina porta la sua faccia sopra il mio pene, lo guarda tutto ma proprio tutto per bene, lo esamina da cima a fondo, se lo mangia con gli occhi, lo stringe delicatamente ma con decisione tra le sue manine, apre la bocca e …. comincia a baciarlo, leccarlo, lo stringe delicatamente coi suoi dentini, se lo mette tutto in bocca, rischiando di soffocare. Se lo succhia come fosse un cremino o meglio un bel gelato caldo, con le dita delle sue mani pizzica delicatamente la pelle esterna tirandola su e giù, e dopo averlo scappucciato completamente, se lo lecca dalle palle in su’ fino alla punta che è diventata grossa e rossa, ed è lì che la sua lingua si sofferma, leccando tutto intorno al glande che è completamente spellato, lo lavora delicatamente con le labbra bagnate di saliva, facendogli fare dentro e fuori dalla bocca, senza saperlo mi sta facendo un bel bocchino, mi fa impazzire, sembra una professionista del sesso (mi domando dove e da chi o con chi avrà imparato a fare queste cose), mentre con le mani mi fa il solletico ai testicoli e mi accarezza tutto, sotto, fino all’ano, lei me lo stuzzica delicatamente con il suo ditino mignolo; sto morendo dal gusto che mi sta facendo provare. Anch’io, seguendo lei ma al contrario, mi sposto con il corpo verso il centro del lettone, divarico delicatamente con le mie mani le sue cosce, le teneva strette per l’eccitazione, gli accarezzo l’ombelico e glielo lecco tutto, anche dentro. Mentre continuo a carezzare e leccare tutta la pancia, gli accarezzo l’interno delle sue due coscette, dall’inguine fino al ginocchio, gli bacio con forza e gli lecco l’interno delle cosce, quasi a fargli tanti succhiotti uno dietro l’altro. Sento che lei freme tutta, non solo nelle parti intime, ma è tutto il suo corpo che trema, la sua schiena è tutta tesa come un violino quando l’archetto strusciando sulle sue corde le fa vibrare; arrivo sopra la sua fregna pelosa, che io cerco delicatamente di aprire, per far entrare adesso la mia lingua e poi il mio passero; io metto la testa in mezzo alle cosce di Sabrina e con la mia lingua gli lecco tutto, chiappe, ano e vagina, quindi la faccio girare a pancia all’aria e a gambe aperte, io mi tuffo sulla sua sorca, ma al contrario, e con le mani appoggiate rispettivamente a destra e a sinistra della fregna pelosa e che si sta bagnando sempre di più, pian piano, con la punta delle dita, sposto rispettivamente a destra e a sinistra la matassa di peli che copre la fica di Sabrina, gliela apro come un’ ostrica, la sfoglio come una margherita, facendo uscire da dentro prima le grandi labbra, poi le piccole labbra, quindi in mezzo a tutto quel marrone - rosso, esce anche un pisellino, che non è verde, ma sempre rosso; e mentre con le dita delle mani gli tengo aperta la fica, con la bocca gli succhio piano il suo pisellino. Tengo divaricato il tutto, ci soffio sopra delicatamente e a lungo, rinfrescando un po’ tutta questa roba vogliosa, rossa e incandescente; vedo la sua fica che si apre e si chiude ritmicamente, fa tutto da sola, sta impazzendo dal piacere, anche le sue cosce stanno muovendosi come la fica, imprigionando la mia testa dentro di loro. Quindi sputo dentro al buchino della sua pisella per lubrificarla, do una bella serie di leccate delicate ma veloci a tutto il pacchetto in bella mostra. Sabrina ricomincia a sudare freddo, a fremere, a tremare, si dimena tutta è arrapata, vogliosa di cazzo lecco tutto, dal pisellino alle piccole labbra, alle grandi labbra, mentre strofino il mio naso che è infilato nel suo sedere, naso che ho bagnato prima uscendo dalla sua vagina tutta bagnata, e che perciò ora scivola delicatamente sul culetto di Sabrina. Dopo un po’ con le dita delle mani, delicatamente, richiudo tutto il mio pacchetto rosso, che sta ancora ballando per l’eccitazione, e, forzando un po’ rimando dentro tutto quello che ho appena fatto uscire; prendo a mordicchiare sempre molto delicatamente tutto il pacchetto che compone quella bella pelosa vagina che è davanti a me, ( praticamente abbiamo consumato un bel 69 ).
Ci facciamo il bagno in piscina.
A questo punto io dico a Sabrina, “Senti, perché non andiamo a fare un bagno in piscina, così io mi raffreddo il pisello e le palle e tu la tua vagina e il tuo culetto, poi riprendiamo a fare sesso più gassati di prima?” Sabrina acconsente e ci avviamo entrambi nudi fuori dalla camera da letto, lei cammina davanti con il mio cazzo in mano ed io dietro che continuo a tastargli il suo culo mentre lo muove sculettando da una parte all’altra. Lei al bordo della piscina si getta in acqua, io che non so nuotare, vado dove si tocca e scendo dentro con l’acqua che mi arriva alla vita, appena sopra il pisello, Sabrina però è ancora ingrifata e il bagno non gli ha calmato i bollenti spiriti è ancora tutta arrapata e nuota verso di me, sotto acqua si prende il mio pene in bocca, pene che in acqua è diventato piccolo piccolo e moscio, e Sabrina se lo mette tutto in bocca e se lo mastica e succhia tutto, facendolo in breve addrizzare e intostare di nuovo, ora Sabrina sempre tenendomi per il cazzo esce dalla piscina e si dirige verso la camera dicendomi “vieni, andiamo, ricominciamo da capo, che sento la mia fighetta che frigge, ma questa volta comando io, che sono la padrona di casa, vieni pisellone mio” mi dice, dopo avermi preso per il cazzo, ci asciughiamo il corpo dall’acqua e ci gettiamo sul lettone.
SABRINA SE LO RIPRENDE AL CULO?
Sabrina mi fa mettere sdraiato sul letto sdraiato a pancia all’aria, lei si mette sopra di me a cavalcioni, con la sua bocca sopra il mio cazzo e la sua vagina sopra la mia bocca, prende il mio pisello, che è ancora piccolo, moscio e freddo dopo il bagno in piscina, con le sue manine e lo scappuccia completamente, il mio glande è nudo, lei ha tirato giù tutta la pelle, in basso vicino ai testicoli, lei tira fuori la sua lingua e se lo lecca tutto, Pierino è ancora moscio e piccolo, piccolo Sabrina se lo mette tutto in bocca e se lo rigira con la lingua, Pierino adesso è tutto dentro la bollente bocca di Sabrina e al caldo pian piano si ingrossa si allunga e diventa duro, lei lo lascia uscire dalla bocca man mano che cresce e che diventa grosso, dopo avergli dato un bacio sulla punta grossa e rossa si alza in ginocchio mettendo la sua pelosa vagina proprio a contatto della mia bocca, io gli do una bella leccata, ma è solo un attimo ché Sabrina si sposta tutta da un lato, prende sopra il comodino il tubetto della pomata, ne mette un bel po’ sopra il suo dito medio, posa il tubetto e mi passa la pomata sul mio cazzo, me lo unge tutto da sopra a sotto fino ai testicoli. Sabrina, sempre stando in ginocchio sopra di me, vedo che abbassa la sua schiena e mi mostra le sue natiche e il suo ano, scivola sopra la mia pancia facendomi il solletico con i peli del suo pube che passando strusciano sul mio corpo, arriva con la fregna sopra il mio cazzo, ma non si ferma, va avanti, appoggia il suo culetto sopra il mio pisello unto a dovere; con le sue mani si apre le chiappe e si sistema il mio Pierino proprio sotto al suo buco del culo, e sempre tenendosi le chiappe aperte, scende pian piano con il corpo facendosi penetrare, il mio pene entra pian piano nel culo di Sabrina, è entrato tutto nell’ano di Sabrina, Pierino non poteva fare altro, ma è tutto contento di stare al caldo lì dentro. Sabrina è nuda, guardo le sue sisette, la sua nera sorca pelosa,vedo lei che è seduta sul mio cazzo che è dentro al suo culetto. Sabrina si muove un pochino, fa su e giù un paio di volte poi si raddrizza con il corpo e fa uscire Pierino, poi Sabrina sistema la sua fica sopra il mio cazzo, la apre un po’ con la punta delle sue dita e pian pianino si abbassa e si fa penetrare dal mio cazzo, che è ancora tutto impomatato, entra tutto dentro, a questo punto succede di tutto, sento che Sabrina accarezza il mio pene facendolo scivolare avanti e indietro con i suoi muscoli pelvici, sento il mio uccello che si muove dentro la pancia di Sabrina, lei me lo lecca, lo morde, lo succhia, lo gira, me lo rigira come un calzino, me lo sputa fuori e poi prima che esca del tutto se lo riprende dentro, mi sta scopando LEI. Sabrina comincia a fare lentamente su e giù con il suo corpo, quando lei sale su, il mio uccello quasi esce fuori, resta solo il glande dentro la sua fregna, ma lei a questo punto scende giù e se lo riprende tutto dentro, i miei coglioni toccano il sedere di Sabrina, vorrebbero entrare anche loro, è lei che mi sta scopando, ma a me piace molto così, sento che lei accelera il movimento, ha sentito che io me ne sto venendo e anche lei sta venendo con me, siamo arrivati, inarco violentemente il mio corpo tre o quattro volte, il mio cazzo penetra tutto dentro la fica di Sabrina, nella sua pancia che lo succhia e lo accoglie mentre anche la sua vagina si apre sempre di più, anche Sabrina spinge insieme al mio cazzo, ce ne stiamo venendo insieme, abbiamo avuto l’orgasmo insieme come volevamo, restiamo così, fermi immobili, assaporando i nostri sessi che si spengono, si svuotano, si ammoscia il mio cazzo e si restringe la fica di Sabrina, a questo punto Sabrina si sdraia su di me rilassandosi tutta, le sue zinnette piccole e dure con i suoi bei neri turgidi capezzoli sporgenti stanno bucando il mio petto, le sue cosce e le sue gambe si distendono sopra le mie, il mio cazzo resta dentro la sua fica anche se pian piano si sta ammosciando e ritirando, restiamo cosi insieme in dolce contatto, me la bacio in bocca lungamente e le dico solo “grazie Sabrina ho avuto un rapporto sessuale meraviglioso, completo, e tu sei stata bravissima, sei troppo forte”. Guardo l’orologio, sono le 17,00.
END

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 2): 3.5 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10