STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
moglie troia marito cornutoRicordi di un uomo maturomia cognataTiziana e Sergio 2Zio Paolo : Una notte al PrivèMiry e la vendetta chiusaSchiava dell'ex 2SOLA IN TRENO/ RIPUBBLICAZIONE
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Quella Puttana di Mia Sorella!
Scritta da: Gokkan (3)

Mi chiamo Simona, ho 19 anni e vi voglio raccontare quello che quest'estate mi ha combinato quella puttana di mia sorella Giorgia. Sì puttana, avete capito bene anche perchè dopo che avrete letto capirete come mai da due mesi non ci parliamo più.
Eravamo andate in vacanza insieme in sardegna ed avevamo affittato un monolocale vicino alla spiaggia di Stintino. Premetto che io mi ero fatta convincere con difficoltà a seguirla, sia perchè lei è molto più grande di me, ha 25 anni e sia perchè i nostri gusti in quanto a vacanza sono nettamente diversi; a me piace leggere e rilassarmi al sole, non ho un fidanzato, ma di questo non mi preoccupo, la mia sola esperienza in campo amoroso è finita male e per un pò preferisco stare in santa pace. Sono abbastanza minuta di fisico, bionda carnagione chiarissima, una svedesina, direi comunque che attiro molto gli sguardi maschili anche se il mio grande cruccio è il seno quasi assente. Seno che invece non manca alla mia sorellona Giorgia che sfoggia un'invidiabile 4° misura e seppur più bassa di me (io sono alta quasi 1 metro e 80) devo dire che attira molto i maschi anche perchè, e qui veniamo al punto, al contrario di me è una vera zoccola! E dico sul serio, avete presente che vuol dire andare in spiaggia in tanga e giocare a pallavolo da sola con tutti maschi? E durante la partita con la scusa del caldo togliersi anche la maglietta lasciando ballonzolare libere le sue enormi tette? Ecco avete capito che tipo è Giorgia. Comunque all'inizio della vacanza avevamo messo le cose in chiaro, io non rompevo ma lei andava a scopare altrove, non a casa e soprattutto non quando c'ero io! Devo dire che la prima settimana delle 2 che avevamo prenotato passò senza particolari problemi, io facevo la mia vita di mare, sole e pisolini e lei si spompinava 2-3 maschi sulla spiaggia credendo che non la vedessi. Fino ad una sera quando per la prima volta Giorgia non rientra a dormire. Il mattino dopo comincio a cercarla in spiaggia dove abitualmente andavamo a passare la mattinata ma nessuna traccia, dopo mezzogiorno cominciai ad agitarmi e ero quasi sul punto di avvisare i miei genitori (misura estrema e vietatissima da parte di Giorgia) quando un tipo sulla quarantina, non italiano, si avvicina e mi chiede se volevo aiutare Giorgia che era finita nei guai. Io chiedo spiegazioni agitatissima e lui per tutta risposta mi dice di seguirlo. Io gli rispondo che andavo a chiamare la Polizia immediatamente e non seguivo nessuno. Allora lui si infila una mano nei pantaloni e mi mette in mano il tanga giallo di Giorgia. "Non scherzare, se vuoi vedere tua sorella viva, ti conviene collaborare". Io pietrificata mi convinsi a seguire il tipo che mi portò ad una grossa BMW nera, aprì lo sportello e venni afferrata da due grosse braccia pelose e mi fecero sedere in mezzo a due omaccioni. Il primo riflesso fu di urlare ma subito una manaccia si piantò davanti alla mia bocca e l'altro tipo mi afferrò i capelli a mò di coda di cavallo e me li tirava in alto dicendomi di stare tranquilla. La macchina partì e io piangevo terrorizzata. Si fermò dopo circa mezz'ora vicino ad una specie di casa di campagna e i due tipi mi spinsero dentro. La casa all'interno era scarsamente illuminata ma riconobbi chiaramente Giorgia legata ad una sedia di paglia seminuda e svenuta. "Cosa le avete fatto?" urlai. "Puoi urlare quando vuoi adesso puttanella tanto qui nessuno ti può sentire" mi rispose un tipo che pareva essere il capobanda. "Cosa ci ha fatto lei" rispose lui. "Lo sai che tua sorella si droga?" rimasi impietrita non sapevo se stesse mentendo o meno. "Questa zoccola ha prima flirtato con mio fratello Mircian e poi gli ha rubato un sacchetto di droga che aveva in casa, quando Mircian se ne accorto ha tentato di farlo sparire gettandolo nel cesso" "E allora?" risposi impaurita, "E allora fanno 10.000 euro" tu ce li dai visto che tua sorella pare non li abbia e noi vi lasciamo andare. Il tipo si girò e prese un secchio da un lavabo lì vicino si girò di scatto e innaffiò di acqua gelida Giorgia che si sveglio di scatto! "Simo, che ci fai qui, ti hanno fatto del male?" Io mi avvicinai da lei e l'abbracciai "No, ma è vero quello che dicono della droga?" lei sembrò esitare "Sono albanesi Simo, spacciatori albanesi che ne sapevo io". Allora sorelline che facciamo? "Soldi non ne abbiamo" urlai io, Bene disse l'albanese, "allora farete le puttane per noi. Guardai Giorgia, era molto rassegnata, "va bene lasciate andare mia sorella e io farò quello che volete" "Col cavolo dissi io, non ti lascio!" Se fate qualcosa a lei farete lo stesso a me. "Se va bene a voi..."sogghignò l'albanese. Fece un segno ai suoi 3 complici che mi afferrarono e cominciarono a legarmi le mani dietro la schiena. Dopo pochi minuti io e Giorgia eravamo in ginocchio sul pavimento con le mani legate dietro la schiena. Ci spogliarono completamente lasciando a me gli slip, Giorgia era completamente nuda, ma del resto quando era uscita di casa doveva avere indosso già solo il tanga che l'albanese mi aveva mostrato. "Chi comincia a spompinare cazzi?" domandò il tipo. Giorgia inclinò la testa come a dire che era pronta, il tipo non se lo fece ripetere si abbassò i pantaloni e senza togliersi gli slip si tirò fuori di lato i coglioni pelosi. "Comincia a sciacquarmi i coglioni puttana". Giorgia seppur riluttante cominciò a leccare le palle pelose del tipo che sembrava gradire molto la lingua di mia sorella. "Ogni pompino che farete, se ben fatto vi scaleremo i soldi dalla cifra che ci dovete, quando avrete finito vi lasceremo andare" mentre finiva la frase con la mano si era scappellato il cazzo ormai più che in tiro e glielo aveva affondato nella gola di Giorgia che spompinava ritmicamente sbuffando per prendere aria. Mentre stavo ancora realizzando cosa accadeva (del resto era la prima volta che vedevo mia sorella spompinare dal vivo) mi sentì afferrare la nuca e venni spinta di faccia contro un grosso cazzo che cominciò a strusciarmi il viso e a riempirmi la faccia di tutto il suo umore. "Pronta zoccoletta?" Io feci per rispondere ma il tipo scaltro appena vide la bocca aperta ci infilò la cappella. "Ti piace il Marron Glacè?, fattelo scivolare in gola, mettilo al calduccio". La cappella mi arrivò in gola e il tipo mi bloccava la testa respiravo con il naso, girai la testa e vidi mia sorella con in faccia due cazzi che la percuotevano a turno mentre lei implorava di non fare del male a me. I due tipi se lo facevano succhiare a turno e credo che Giorgia ci stesse mettendo del suo forse con la speranza di farli venire il prima possibile. E così fu, uno dopo l'altro i due tipi godettero nella bocca di Giorgia la quale si guardò bene da ingoiare la sborra. "Brava puttana, bel lavoro, ma che fai non ingoi? non vi ha insegnato niente la mamma? dopo il pompino si butta tutto giù e si pulisce la minchia con la lingua!" Ora il tipo sembrava incazzato, ma Giorgia proprio non ne voleva sapere di obbedire, del resto doveva avere in bocca mezzo litro di sborra a giudicare da come quei due maiali si erano abbondantemente svuotati i coglioni. Mentre ero concentrata su questo non realizzai che la minchia che avevo in bocca a cui stavo facendo anch'io un bel servizietto stava anch'essa per svuotarsi. Me ne accorsi un'attimo prima giusto in tempo per evitare che mi rovesciasse tutto dritto in gola. Il tipo cominciò a schiacciarmi la testa infilandomi il cazzo tutto in bocca. Contai 15 fiotti di sperma caldo che mi riempirono la bocca. Il tipo sfilò il cazzo dalla mia bocca mi afferrò i capelli e mi ordinò di aprire la bocca. Obbedìì lascaindogli ammirare la quantità di sborra che aveva appena prodotto "Ingoia vacca!" scuotei la testa, "Ingoia!" avvicinò la bocca alla mia e ci sputò dentro. Per riflesso ingoiai tutto. "Brava puttanella, vedi che a te piace la sborra? Adesso la sorellina che è schifiltosa ti fa assaggiare la sua." Quella stronza di Giorgia non oppose alcuna resistenza si avvicinò alla mia bocca e mi riversò una quantità immonda di sborra semi-affogandomi. Bevvi tutto altrimenti sarei affogata! Quando finì la guardai come per dire questa me la paghi. "Ce l'hai con tua sorella?" disse il tipo, "vuoi vendicarti? bene!". Fecero girare Giorgia a pecorina, un tipo le teneva il piede sulla testa, mi fecero sfilare lo slip anche a me. "Ora tu le lecchi per bene figa e buco del culo, poi ce la inculiamo a turno!" "Cazzo che dolore" pensai, in realtà ad essere sincera ero ancora incazzata per la sborra che mi aveva fatto bere che pensai che per un attimo se lo meritava. Giorgia supplicava di lasciarci andare e andò così avanti per i primi 5 minuti del mio servizio sulla sua figa. Non avevo mai leccato una figa e nè me lo sarei immaginato, figuriamoci quella di mia sorella, ai tipi doveva piacere molto lo spettacola a giudicare da come si menavano i cazzi che erano veramente enormi come dimensioni. Quando passai ad insalivarle il culo Giorgia non frignava più, anzi cominciava a gemere quella troia e devo dire che per un attimo la cosa fece eccitare anche me. Le leccai il culo con dovizia senza risparmiare fatica, dal momento che sapevo che se fosse stato ben insalivato forse avrebbe sofferto di meno. "Ora insaliva questo puttanella" mi presentò il suo cazzo che sembrava esplodere e io mi cominciai a dare da fare, era importante che anche il cazzo fosse ben bagnato, intanto mi ero bagnata anche io. "Brava, hai fatto un bel lavoro" disse il tipo sfilandosi il cazzo dalla mia bocca, ora sta a vedere..." Mi allontanai leggermente dal buco del culo di Giorgia, consapevole del fatto che di lì a breve avrebbe ricevuto il cazzo enorme dell'albanese dritto nel culetto. Giorgia ansimava e frignava "No, non farmi male, fa piano ti prego.." "Noooooooooooooo" urlai con tutte le mie forze, due tipi mi avevano bloccato a terra mentre sentivo l'albanese che si accomodava dietro di me, "Noooooooooo" durò un'interminabile secondo. Un dolore lancinante come se mi avessero pugnalata, sentì un calore invadere la mia pancia e capì che ero stata inculata io al posto di Giorgia solo quando sentì i coglioni dell'albanese ciondolarmi dal buco del culo! "Scusami ma ti ho rotto il culo rise l'albanese, tanto prima o poi...:" Piansi per tutti i 10 minuti che lui mi squassò l'intestino, lui rideva e si divertiva a tirarlo fuori e rispingermelo dentro per sentirmi gemere. Giorgia era stata invece girata dagli altri 2 tipi e scopata in figa sul pavimento. Lei gemeva come una vacca. "Bocca o culo?" "Cosa risposi io?" "Preferisci che ti sborri nel culo o in bocca" precisò l'albanese. Per un attimo esitai poi mi ricordai del sapore intenso della sborra che avevo ingoiato, "Nel culo, vienimi nel culo!" "Bene, se proprio insisti..." disse lui e afferrandomi dai fianchi mi irrorò per ben l'intestino riempendomi di schizzi caldi e densi. Mentre ero per terra ansimante e il dolore al buco del culo cominciava a farsi sentire vidi i 2 sborrare sul viso e sulle tette di Giorgia. "Ok, disse l'albanese, facciamo un pò di conti, Giorgia ha fatto 3 pompini, nessuno con l'ingoio e si è fatta scopare 2 volte, la piccola Simoncina si è fatta una ricca bevuta di sborra, ha spompinato un bel cazzo, ha lesbicato la sorellona e ci ha donato la sua verginità anale" diciamo 1.000 euro a testa?" Mi cascarono le braccia, "solo 1.000 euro a testa?, per tutto questo?" "Signore vi dovete impegnare" disse l'albanese mentre a me cominciava a uscire un rigagnolo di sborra dal buco del culo e cominciava a colare sulla coscia. "Simona decidi o ti fai inculare anche dai miei 2 fratelli come ho fatto io, oppure pisciamo in bocca a tua sorella che dovrà bere fino all'ultima goccia", guardai Giorgia con la faccia implorante, pensai tra me e me che forse avendomelo dilatato avrei sofferto di meno con gli altri 2 e che tanto o 1 o 3 non faceva poi tanta differenza. "Mettetemelo in culo" dissi. Mi misero a pecorina nella solita posizione con il solito piede che questa volta mi teneva la faccia sul pavimento. Questa volta fu Giorgia che preparò il culetto e le minchie dei due. Non posso dire che fu indolore, ma almeno il terzo quando entrò non mi fece male, la cosa che mi disturbò e che nessuno pensò di sborarre nella bocca di Giorgia lì a fianco al mio buco del culo aperta e disponibile, ma tutti e due depravati preferirono sborrare l'intestino della ragazzina. "Altri 5.000 euro e abbiamo finito", disse l'albanese mentre guardava i due pulirsi le cappelle con l'acqua. "Adesso sceglie Giorgia" "Cosa preferisci, farti scopare a sandwich da me e mio fratello, mentre l'altro te lo ficca in bocca o facciamo spompinare il cavallo che c'è nella stalla di là alla sorellina? "Cavallo?? Cazzo pensai!, stanno scherzando" Guardai Giorgia come a dirle non ci pensare nemmeno per un attimo, e mentre la fissavo sentii distintamente la parola "Cavallo". Chiusi gli occhi! "Che merda di sorella, che troia!" I due mi sollevarono e mi portarono dipeso nella stalla. Era tutto vero, uno splendido stallone dal pelo nero era lì che mangiava la biada. Ordinarono a Giorgia di accarezzare i coglioni del cavallo in modo da farlo eccitare, lei si sedette su uno sgabellino sotto il cavallo e cominciò con la mano ad accarezzargli le palle, le sue tette enormi ballavano sulla pancia del cavallo che forse anche per questo nel giro di 10 minuti fece scodinzolare un cazzo che dalle dimensioni sembrava più quello di un elefante che quello di un cavallo. "No" supplicai, "Spompinalo, fallo venire e avrete pagato il debito". "Giorgia e i 3 si sedettero sul fienile e si gustarono lo spettacolo del pompino. All'inizio mi faceva veramente schifo, ma poi devo dire dopo un pò il gusto era esattamente quello di un normale pompino come tanti, sentivo pulsare le vene di quel cazzo enorme e dopo una decina di minuti mi sentì letteralmente innaffiare di sborra, non erano fiotti, ma tipo fontana, idrante, ero tutta ricoperta di sborra filante ed appiccicosa, mi strinsi al cazzo del cavallo come a ringraziarlo e poi mi esposi alle risate di quei maledetti. "Ok, disse l'albanese, ora rimettetevi le mutande e ndate via, vedrete che se avrete fortuna qualche pastore vi salverà, al limite vi chiederà di spompinarlo visto che siete conciate da puttane. Giorgia mi fece segno di andare, ma io ero veramente incazzata con lei. "Un momento" rimasero tutti stupiti" "prima mi piacerebbe vedere Giorgia rotta di culo da tutti voi, sborrata in faccia e pisciata in bocca, mentre io mi sditalino a guardarvi, che ne dite?" Bhè devo dire che gli albanesi mi capirono e decisero di concedermi questa vendetta. Devo dire anche che fui particolarmente cattiva, anche perchè i 3 stremati dalle precedenti performance prima di venire devastarono il culo di Giorgia che ancora oggi dopo 6 mesi dall'accaduto non può più stare seduta a lungo!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 179): 7.23 Commenti (26)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10