STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Doppia penetrazioneil mio clitorideuna cognata perbeneIl gioco della seduzioneStefy escortPaola moglie troiaIl socio di SaraLa mia GRASSA SUOCERA!!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Una mattinata diversa
John Simmons si svegliò; non era sicuro di cosa lo aveva svegliato.
Si mosse e guardò l'orologio digitale sul suo comodino.
Il suo allarme non sarebbe suonato ancora per altri quindici minuti. Si girò verso l’altro lato del letto per vedere sua moglie ma lei non era li.
Di solito si alzava con a lui e andava in cucina a preparare il caffè.
John si chiese il motivo perché si era svegliato.
Si girò dall’altro lato e richiuse gli occhi;aveva altri quindici minuti per dormire. John senti un altro gridò e questa volta capì che era la sua ragazza.

Saltò giù dal letto e corse in bagno. La sua ragazza, Sara, era in piedi accanto alla toilette con la schiena a lui con la camicia da notte tirata su fino alla vita e il suo bel culo sodo ha svegliato il cazzo di John.

-Che diavolo succede- ha chiesto John.

-Oh mio Dio!- urlò. -Non posso crederci.-

-Credere a che cosa?-

-Ho un cazzo,- singhiozzò e si voltò.

John non poteva neanche crederci, lei aveva un cazzo, ed era anche più grande del suo e per concludere aveva una grosso paio di palle abbinate.

-Come è successo?- chiese.

-Non lo so, dovevo andare in bagno e quando mi sono seduta
giù solo tipo di flop sul sedile.-

-Merda Santo cielo! Non riesco a crederci-.

-Non si può credere? Che dire di me? Come pensi che io mi senta- singhiozzò lei.

-Hai ancora una figa?-

-Non lo so- ha detto toccandosi dietro le palle - Sì
E 'ancora lì, clitoride e tutto il resto. -

-Wow, hai sia il cazzo che la figa, è incredibile.-

-Penso che il mio cazzo stia iniziando a diventare duro!- esclamò con
stupore.

John poteva vedere che cazzo di Sara stava crescendo rapidamente.

-Mi chiedo che cosa stia causando questo?- chiese.

-Potrebbe essere perché vedo il tuo cazzo duro che spunta fuori dal Pigiama- ha
ha detto Sara.

-Quando sono arrivato eri a culo nudo, sai il mio cazzo diventa quando ti vede così.-

-Be anche il mio è diventando duro allora vedendoti così.-

-Aspetta un attimo, qualcosa non va.-

-Grande scoperta Sherlock, mi è cresciuto il cazzo-.

-No voglio dire, che mi sento bagnato tra le gambe-.

John si abbassò i calzoni del pigiama e si toccò dietro le palle.


-Porca puttana, io ho un Buco sotto le palle cazzo!-Urlò.

-Fammi vedere- ha detto Sara.

John sollevò il suo cazzo e le palle.

-Merda sembra che tu abbia una figa-

-Fammi vedere non posso crederci- disse Jhon.

Sara passo a Jhon uno specchio.

-Merda non posso crederci nemmeno adesso che la vedo, ho veramente una figa tra le gambe!-

-Forse dovremmo andare al pronto soccorso. Forse possono dirci cosa è successo.- disse Jhon.

-No dai Jhon siediti sul WC e fammi vedere se hai veramente una figa da quello che ho potuto vedere prima dall’esterno sembrava proprio una vagina, insomma sotto lo scroto avevi le due grandi labbra-

-D’accordo Sara ma veramente controlla se ho veramente una vagina-

Sara si sposto da davanti al WC e fece sedere Jhon

-Dai Jhon non essere timido apri le gambe-

-Sara non mi sento a mio agio voglio dire come fai a dire che e tutto a posto insomma non sei un medico-

-Ho vissuto con una figa per 25 anni vuoi che non sappia se e tutto ok-

Jhon apri le gambe con titubanza e si appoggio allo schienale

Sara alzo il cazzo e lo scroto di Jhon -Allora sotto lo scroto hai proprio quello che solitamente in una vagina si chiamano grandi labbra-

-Sara non farmi una lezione di anatomia dimmi se oltre quello vedi qualche cosa d’altro-

Sara apri le labbra di Jhon e sentì che tra le sue gambe il cazzo stava diventando duro, mentre la figa di Jhon si stava bagnando.

-Ahmmmm - ansimo mordendosi le labbra Jhon

-Jhon che succede ti stai forse bagnando?- chiese Sara

-Sai com’è mi stai toccando la vagina, non mi sembra che quando eri tu al posto mio solo ieri sera ci fosse qualcosa di sbagliato-

-A si però tu ieri sera non mi toccavi solo le labbra vero mi toccavi anche una cosina chiamata clitoride o sbaglio, vediamo… ah eccolo chissà che succede se inizio a strofinarlo? Funzionerà?-

-Ahmmm ahaa ahaa ahaa… smettila Sara ti prego-

-Ok ma tu non rispondermi più in quel modo, allora continuiamo anche se sei tutta bagnata, stò dicendo al mio ragazzo che è tutta bagnata non avrei mai pensato di dire una cosa del genere-

-Sara dai ti prego mi sento già abbastanza a disagio cosi non sfottermi anche, Sara non vorrai… Ahaa ahaa ahaa ahaa… avevi detto che avresti smesso -
-Lo so ma è troppo divertente dai ok adesso continuo a vedere se è tutto in ordine cosi sei contento, allora dove eravamo arrivati, a si il clitoride c’è le piccole labbra pure e questo buco dovrebbe essere la vagina-

Sara si avvicino cautamente con l’indice all’apertura e penso “Jhon mi ha chiesto di controllare se ha veramente una vagina bhe a me il miglior modo per capirlo e infilare un dito dentro e vedere che succede”

Sara sollevo la testa e vide che Jhon aveva gli occhi chiusi e la testa appoggiata alla vaschetta del wc quindi non si era accorto di nulla.

Con cautela Sara iniziò ad infilare l’indice

-Sara Mhaaa che staiiii faaaa faaacendo?-

-Sto controllando se è tutto in ordine tu chiudi gli occhi e rilassati-

Jhon era sopraffatto dalle sensazioni di piacere e non potè contraddire Sara

Sara infilo il dito sempre più profondamente nella vagina di Jhon e inizio a muoverlo con molta calma prima a destra e poi a sinistra

-Sara è fantasti…- Jhon non riusciva nemmeno più a parlare da tanto che stava godendo

-Lo so Jhon so come far godere una donna-

Anche se non lo aveva mai detto a Jhon Sara durante il periodo del college aveva provato anche qualcosa di diverso di nome Jessica,Sora,Angy,Laura e Jasmine e non gli era per niente dispiaciuto anzi ripensandoci in certi sensi erano state le migliori scopate della sua vita.


Mentre stava masturbando Jhon e ripensando alle sue avventure Sara si stava eccitando sempre più e iniziava a bagnarsi, guardo giu vide il suo enorme cazzo capendo che era relamente mostruoso da quella posizione poteva tranquillamente capire che era almeno 18 cm di lunghezza e 4 cm di diametro.

-Ahaa ahaa Sara ti prego ahaa ahaa smettila sto iniziando a stare male- urlo Jhon

Ma Sara non riusciva a smetterla era troppo eccitata a vedere il suo uomo godere ed urlare come una ragazzina del liceo al suo prima ditalino, non poteva fare altro che aumentare il ritmo e iniziare a premere il punto G.

-Jhon dai lo hai detto anche tu prima ieri sera quando lo hai fatto tu a me non c’era nulla di sbagliato dai stai godendo che c’e di male-

Mentre diceva queste parole sentì Jhon urlare e spruzzarla tutta di un liquido caldo ed appiccicoso, Sara ne lecco un po’ dalle sue labbra sentì un sapre dolciastro che lei ben conosceva

-Brava la mia ragazza hai squirtato per la prima volta e mi sembra che ti sia piaciuto o sbaglio-

-Si Sara mi è piaciuto ma adesso basta con i giochetti e dimmi se è tutto ok finalemte-

Sara aveva capito che doveva smetterla almeno fino a che Jhon non si fosse calmato e avesse capito che aveva tutta una vagina funzionante

-Ok dai ricominciamo le grandi labbra ci sono il clitoride c’e le e piccole labbra pure l’unica cosa che non vedo è l’uretra però-
-Come non vedi l’uretra?-

-Si Jhon non la vedo dovrebbe essere subito sopra alla vagina e sotto al clitoride ma non la vedo, significherà che dovremmo pisciare dal cazzo-

-Come dovremmo pisciare? Credi che i cambiamenti siano gli stessi? –

-Credo proprio di si ci è accaduta la stessa cosa nello stesso momento questo può significare che la causa è stata la stessa, comunque ci riguardo se non ti fidi?-

-Si Sara forse è meglio mi sembra strano che abbia tutto tranne quello-

Sara era scocciata di questa incredulità di Jhon “ Credo proprio che se avrò ragione gli farò un altro bello scherzetto siccome mi è piaciuto molto il suo squirting”

-Allora Jhon non ci ho riguardato ancora è non hai nulla solo clitoride e vagina, adesso per punizione sai che succederà ti farò squirtare ancora questa volta però utilizzo il tuo piccolo clitoride-

Jhon non potè nemmeno ribattere che Sara lo stava già masturbando, le sensazioni erano toppo forti anche per parlare, Jhon poteva solo ansimare di piacere .

-Brava la mia ragazza o forse con i versi che stai facendo ti dovrei chiamare la mia puttanella- disse Sara mentre stava continuando a massaggiare il clitoride di Jhon ad una velocità tale da non farlo ribellare al suo gioco ne tanto meno da farlo godere troppo e farlo venire subito

-Sa Sa Sa Sara-

-Dimmi Jhon- rispose Sara rallentando il ritmo cosi da fare rispondere il compagno

-Sento qual… qual qualcosa una una sensazione strana sotto…. sotto le palle nella figa insomma-

-Stai per squirtare ancora Jhon che c’è di strano era questo il mio intento-

-No no S..s..sara di diverso…-

-Jhon devi stare zitto è godere questa è la tua punizione per non avermi creduto non riuscirai a sfuggirne con questi giochetti-

Per di più Sara era troppo eccitata e certamente non si sarebbe fermata, anzi pensè “ sono anni che non godo un pò mentre sto masturbando una bella fighetta” pensando a questo Sara infilo l’indice della mano rimanente all’interno della sua vagina

-Jhon sai cosa sto facendo-

-Mahaa No No dimmi ahaa Mahaa –

-mi sono infilata un dito nella figa come ti piace tanto e adesso sai cosà farò masturberò queste due fighette assieme-

Sara inizio a masturbarsi era una sensazine bellissima si stava masturbando mentre stava per far squirtare il suo ragazzo

-Ti piace Jhon è?-

-Sara ferma sento ancora quella co mahaaaa saaa- mentre Jhon siceva queste parole Sara si stufò e infilo il dito dentro la vagina cosi da farlo venire.

Sara guard Il cazzo di Jhon ed era completamente moscio il suo era ancora duro come una roccia, mentre notava questa cosa vide la mano destra di Jhon andare sul suo clitore ed iniziare a masturbarsi da solo

-Jhon sei proprio una ragazza insaziabile ti sei messo pure a masturbarti da solo!-


Jhon stava godendo e stava per squirtare ancora la faccia di Sara era solo a pochi centimetri dalla figa di Jhon quando improvvisamente lo vide un liquido calo la inondo la faccia e la bocca ma non era squirt si era sbagliata Jhon aveva l’uretra e l’aveva inondata di piscio.

-Jhon che schifo- disse Sara alzandosi di scatto in piedi ma Jhon sembrava non essersi accorto di nulla e si stava ancora masturbando.

“ Ma guarda questa piccola cagnetta ha appena scoperto quanto si gode ad avere una figa, mi piscia in bocca e nemmeno smette di masturbarsi, bhe abbiamo scoperto che lui può pisciare dalla figa, vediamo se io posso pisciare dal cazzo siccome ero venuta in bagno proprio per fare questo”

Sara si alzo in piedi estrasse il suo enorme cazzo dalle mutando e lo punto proprio al volto di Jhon, che ignaro di tutto si era perfino infilato due dita nella vagina.

“vediamo come posso fare a fare uscire la pipì da questo mostro” penso Sara “non deve essere cosi difficile se possono farlo gli uomini”

Sara inizio a contrarre i muscoli addominali come aveva sempre fatto nella sua vita e sentì le mutande che venivano inondate di piscio

“ cazzo per colpa di Jhon mi sono anche bagnata le mutande, mi paghera anche questa”

Sara penso allora che ci doveva essere un altro modo e iniziando a contrarre altri muscoli addominali sentì una strana sensazione dentro al cazzo

-Adesso la paghi Jhon- urlò Sara

Jhon appena in tempo per scansare l’ondata di piscio giallo della sua ragazza ma finendo con la faccia per terra tra i suo piscio e quello di Sara

-Sara cazzo stai facendo?-

-Mi hai pisciato addosso ti volevo restituire il favore-

Jhon vide che il volto e i capelli di Sara era completamente bagnati

-Sara scusa ma che e successo?-

-E’ successo che intanto che ti divertivi come una liceale mi hai pisciato addosso-

-Sara scusa ma ti avevo detto che sentivo qualcosa di strano-

-D’accordo ti crederò a due sole condizioni: pulisci questo casino che hai fatto mentre io mi do una pulita e poi controlli se anche nelle mie parti basse è tutto ok-

-Cosa dovrei fare?-

-Pulire il casino che hai fatto guarda che è tutto piscio tuo-

-Non intendevo quello dicevo la seconda cosa-

-Controllare se è tutto a posto come ho fatto io-

-D’accordo d’accordo dai vai a farti una doccia-

Sara si tolse le mutande e si infilo in doccia, non aveva ancora guardato bene il mostro che gli era spuntato durante la notte adesso che lo vedeva duro davanti a lei capì le sue vere dimensioni, era il cazzo più grande che avesse mai preso in mano era molto più lungo di quanto pensava, ma voleva sapere esattamente quanto era.

Sapeva che Jhon nel cassetto del bagno teneva un righello lui diceva che era comodo ma Sara sapeva che lo usava tutte le settimane per misurarselo.

Sara apri la porta della doccia e vide che Jhon non era ancora tornato allungo la mano apri il cassetto ed estrasse il righello, Sara non aveva mai misurato un pene ma aveva visto come faceva Jhon, mise il righello alla base del pene e misurò.

“Merda avevo visto che era grosso ma non cosi tanto 22 cm e 5 di diametro, sarei una super dotata, anzi dovrei dire un super dotato”

Sara sentì Jhon che stava arrivando e ripose il righello al suo posto

-Sara tutto bene?- chiese Jhon

-Certo mi sto lavando i capelli-

-Ok inizio a pulire io-

“Merda finalmente questo mostro si è sgonfiato” penso Sara uscendo dalla doccia.

Ma proprio in quell’istante vide Jhon piegato a 90° senza pantaloni ne mutande che stava pulendo per terra e la sua bellissima figa li all’aria, in pochi secondi il cazzo di Sara torno pi duro di prima.

-Jhon perche stai pulendo senza pantaloni? Mi hai fatto tornare duro il cazzo!-

Jhon si girò – Scusa Sara e che le mutande e i pantaloni del pigiama erano bagnati di piscio li ho messi da lavare-

-D’accordo dai hai finito di pulire? Che voglio che controlli che sia tutto ok!-

-Si si ho finito dai siediti sul bordo della vasca che almeno li per terra non è bagnato e mi posso sedere- Sara si sedette sul bordo

Jhon stava svuotando e prendendo il cubo di vetro dove Sara teneva i Sali da bagno e lo pose tra le gambe di Sara
-Jhon che stai facendo-

-Non si sa mai mia voglio che succeda come a te!-

-D’accordo ma se devo anche sopportare le tue paure andiamo in camera che mi siedo sulla sedia-

Sara si sedette sulla piccola seggiola che tenevano per appoggiare i vestiti

-Allora Jhon inizia a vedere se è tutto ok!-

-D’accordo ma almeno si collaborativa e alza le palle che mi fa gia schifo così-

Sara scocciata alzo le sue palle

-Sara qui mi sembra tutto ok come al solito-

-Jhon non fare lo schizzinoso toccala sei un uomo-

Jhon apri la figa della sua ragazza ed era tutto come al solito tranne quel enorme paio di testicoli e quel mostruoso cazzo a pochi centimetri dalla sua faccia.

“Però mi sto veramente eccitando” penso Jhon “Devo fare pagare a Sara lo scherzetto di prima”

Jhon velocemente infilo 2 dita nella vagina di Sara e la masturbò violentemente

-Sara Sara sarai anche stata brava prima ma come ti masturbo io non ti masturba nessuno- disse Jhon aumentano il ritmo

-Jhon sento qualcosa sto per venire- disse Sara ma in realtà aveva gia premeditato di rendere pan per focaccia a Jhon

Fortunatamente Jhon fu previdente e quando intuì che la propria ragazza lo stava per riempire di piscio mise tra di loro il cubo

Un potente getto giallo inizio a riempire il cubo di vetro

Jhon lo appoggio per terra e mentre la pripria ragazza si stava svuotando si accorse di avere in mano l’enorme uccello di Sara

Jhon senti tra le sue gambe che si stava iniziando a bagnare e il suo cazza stava diventando duro

-Jhon mi sembra di vedere da qui che ti stai eccitando da quando hai preso il mio cazzo in mano, dai toccalo un po’ non senti quanto è duro fa quasi male coccolalo un po’-

“Mi sento un po’ gay a fare una cosa del genere, ma mi eccita troppo il pensiero”

Jhon si mise a toccare le palle e la nuova mostruosa asta della sua ragazza

-Jhon non pensavo che farsi toccare il cazzo fosse così bello-

Jhon voleva finire al più presto questa cosa e si mise a masturbare Sara

“ E’ veramente enorme questo cazzo “ penso Jhon mentre era li solo a pochi centimetri da lui “ veramente enorme “ Jhon si avvicino per vederlo meglio.

Sara era pervasa da senzasioni incredibili non avrebbe mai creduto che farsi fare una sega fosse cosi bello, mentre pensava ciò apri gli occhi e vide Jhon a pochi centimetri dal suo cazzo questo gli fece pensare “ mi sono sempre chiesta che c’è di bello a farsi fare un pompino…”

Sara guardo nuovamente Jhon “ non posso farlo lo tradirei in questo modo ma sono troppo eccitata non mi importa delle conseguenze si incazzerà e poi mi farò scopare come al solito per fare pace”

Sara prese la testa di Jhon con tutte e due le mani

-Sara che fai ?-

-Faccio che la mia bella cagnetta mi farà un bel pompino ora- e dicendo questo Sara impalò la testa di Jhon sul suo enorme cazzo

Jhon quando sentì quel enorme uccello in gola non riuscì quasi a respirare e nel basso ventre sentì che come un fiume gli stava uscendo dalla vagina

Jhon lotto con tutte le forze per liberarsi ma non ci fù speranza

“Cazzo non riesco a liberarmi forse perché sto godendo a spampinare Sara o forse perche la trasformazione gli ha dato molta più forza”

-Caro Jhon mi sembra che la tua unica possibilità sia succhiare, mi ero già accorta prima che dopo la trasformazione ero diventata molto più forte ma non credevo fino a questo punto, l’unica possibilità per fare uscire il mio uccello dalla tua bocca è farlo sgonfiare! Succhia Jhon Succhia!- urlo Sara e nel metre guidava la testa di Jhon su e giù per dargli il ritmo, Sara odiava questa cosa quando era lei ad avere il cazzo in bocca ma da quella posizione di dominanza era bellissimo

“Non posso succhiare il cazzo non posso non sono un Gay” penso Jhon

-Mmmmmmmmm- Jhon tento di parlare ma non poteva –Mmmmmm-

“Cazzo non posso nemmeno parlare”

-Jhon quante volte te lo devo dire fammi sborrare e ti libero dai ti prometto di non venirti in bocca va bene!-

“Sembra che sia costretto a compiacerla” penso Jhon e si mise con riluttanza a succhiare l’uccello della sua ragazza.

-Brava la mia cagnetta adesso pero rallenta il ritmo e fammi godere-

Jhon non poteva fare altrimenti le mani di Sara guidavano la sua testa l’unica cosa che poteva decidere ora era quanto succhiare e non certamente il ritmo

Sara guardò il suo ragazzo fargli un pompino era una cosa bellissima.

“Merda non resisto più tra un po’ non respiro” penso Jhon e disse –Mmmmmmmmm-

-D’accordo Jhon ho capito non respiti lo so adesso succhia puttana allora succhia e fammi sborrare fianlemte-

Sara inizio ad aumentare il ritmo, Jhon si sentiva l’uccello fino in fondo alla gola ma siccome voleva che questo suppilizio finisse succhio con tutta la forza che aveva in corpo

“Che goduria ecco perche gli uomini amano i pompini, aaah penso di stare per venire ma non posso fermarlo è troppo bello è troppo bello”

-Dai Jhon continua cosi succhia più forte non ti preoccupare non mi sento ancora di venire-

Jhon succhio con tutta la forza che poteva e senti all'improvviso il cazzo di Sara che cominciava a tremare e lei che spinse ancora di più la sua testa sul cazzo.
Jhon stava lottando con tutte le sue forse solo per riuscire a respirare, fu a quel punto che sentì uscire dal cazzo di Sare un carico di sperma caldo e appiccicoso.
Jhon istintivamente cercò di staccarsi ma non c’era possibilità Sara era troppo forte e il suo cazzo pompo quelli che sembravano litri di sperma prima in bocca e poi nello stomaco di Jhon.

Finalmente Sara mollo la presa dalla testa di Jhon

La sua bocca era piena di sperma quasi non respirava mentre si allontanava da quel mostro un paio di schizzi di sperma finirono sul suo viso. Uno di questi schizzi lo colpì proprio dritto negli occhi “che male brucia come l'inferno” penso Jhon.
Sara continuò a venire e riempì la faccia e i capelli.

Lo sperma sulle guance e il naso di Jhon cominciò subito a scorrere verso il basso sul mio mento.

Jhon aveva ancora il carico di sperma nella mia bocca e stavo per sputare quello che non aveva ingurgitato ma Sara gli copri la bocca e disse – Deve fare la brava la mia piccola cagnetta su dai ingoia tutto che ti è piaciuto.
“So che non c'e altra via d'uscita”pensò Jhon ingoiando fino all’utimo sorso .

Jhon apri la bocca e ha prese finalmente un respiro profondo.

Jhon guardò verso il basso e vide il suo cazzo moscio e capì che il bagnato che sentiva per terra non era solo dovuto solo la sua vagina ma aveva sborrato anche lui mentre spampinava Sara ed una rigata di sperma bianco si intravedeva sul parquet marrone sotto la sedia.

Jhon senti un rigurgito provenire dallo stomaco

-Sara penso di stare per vomitare-

Sara prese rapidamente la testa di Jhon e la ficco nel cubo in vetro pieno del suo piscio.

Jhon sentendo quel odore inizio a vomitare copiosamente lo sperma di Sara che si andò ad unire al suo piscio, finito di vomitare Jhon si sollevo

-Jhon stai bene- chiese Sara vedendo il proprio ragazzo bianco come un cadavere

-Nnn…- Jhon la guardò e svenne al suolo.

-Jhon Jhon svegliati- urlò Sara

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 12): 2.75 Commenti (6)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10