STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Sentirsi puttanaLa direttrice di banca fa i pompini continuol'amante perfettoIniziò tutto sul treno parte 1la mia exdoveva essere solo per un concerto...quanto sono troiaIL MIO DIARIO 2
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

con mio suocero volume 3 ed ultimo
Scritta da: sandra (2)

...questa storia di essere ripresa di nascosto mi mandava in estasi, mio suocero stava per vedermi masturbare anche per pochissimi secondi dentro il suo bagno. Avevo bisogno di aumentare la situazione, pensai che le poche volte che facevamo l'amore io e valerio lo si facevano in camera sua, allora perche non convincere valerio a farlo nel bagno, cosi se mi fossi impegnata facendo vedere di essere magari esperta, mio suocero avrebbe avuto anche magari il coraggio di abbordarmi.Quel giorno io convinsi valerio a farlo nel bagno, eravamo soli in casa e chiusi nel bagno, mi ero vestita per l'occasione, jeens stretti con sotto delle autoreggenti nere e quel perizoma che avevo comprato (filo filo).iniziammo a baciarsi valerio mi tolse la maglietta nera che avevo , e sotto fuoriuscirone le mie tette senza reggiseno, dopo di che io mi abbassai i jeens fino a portarli sopra il ginocchio, facendo fuoriuscire le balze elastiche delle autoreggenti che prima d'ora non avevo mai messo. Valerio rimase stupito ma compiaciuto nello stesso tempo nel vedermi cosi sexy. Non capì piu nulla e si diresse subito sulla mia patatina con la mano, scostando il perizoma dal davanti, si accorse successivamente che si trattava di un filo filo, io gli sbottonai i jeens e presi il suo pene in mano. Valerio era eccitatissimo lo vedevo, ci spogliammo completamente ed io mi inginocchia fino all'altezza del suo pene. Lui stupito mi chiese se mi fossi finalmente decisa a fargli un pompino, perche in realta non gli avevo mai fatti) gli risposi di si e senza pensarci due volte presi in bocca il suo pene iniziando a andare dentro e fuori con la bocca in modo velocissimo. In quel momento pensavo che mio suocero avrebbe visto e pensato che solo ragazze mature lo fanno, e questo mi faceva guadagnare punti. alla fine dopo il pompino si fece l'amore in piedi e a pecorina.Trascorsa una settimana di nuovo a cena da i miei suoceri. all'inizio ero un po turbata perche mi ero esposta troppo a gli occhi di mio suocero, però pensai che non avrebbe potuto dirmi niente. infatti fu cosi.Solo 10 giorni dopo mi giunge una telefonata da lavoro, era mio suocero, che con voce tranquilla mi dice: Ciao sono Sergio, ti ricordi mica come si fà a programmare il dvd per registrare una partita? io rispondo:dovresti mette su.... e poi... lui mi interrompe e dice: fammi un piacere se passi di qui mi fai vedere. Io risposi: ok tra mezz'ora stacco da lavoro e vengo li ciao a dopo. Mi guardai un attimo come ero vestita, avevo se non ricordo male una gonnella verde un po lunga, le mutandine erano rosse coulotte, comode da lavoro insomma.Di certo non ero provocante pensando anche alle calze collant chiare. Avrei voluto presentarmi da lui in autoreggenti cosi nel caso fosse successo qualcosa..... . Decisi di andare anche perche a quell'ora saremmo stati una mezzora soli con mia suocera ancora a lavoro e valerio idem. Arrivo da mio suocero con il cuore in gola lui mi apre e mi saluta scusandosi, io mi dirigo subito davanti al dvd passando per il divano e appoggiando la borsa sopra.Mentre stavo cercando di sintonizzare il tutto mio suocero mi dice: hai la calza smagliata dietro. Io prima di rispondere pensai che era giunto il momento che vedendomi fare quelle cose im bagno forse pensò che avrebbe dovuto cercare di capire se la situazione io e lui soli mi fosse piaciuta oppure se mi fossi imbarazzata. gli rispondo: dove? ho anche la gonna lunga, in effetti dietro al polpaccio c'èra un filo tirato delle mie calze, ma impercettibile se vogliamo. Qua guarda sul polpaccio e mi indica chinandosi su di esso.io resto impitrita e non so perche passano circa trenta secondi mentre lui mi guarda ed io guardo lui, mi prende la gonna e me la alza fino a scoprire tutto, ero imbarazzata nel farmi vedere le collant e non le autoreggenti. Prendo fiato e dico: ti piace guardarmi? si mi piace guardarti, è da tempo che ti guardo sai?, non ce la faccio piu! mi fai arrapare quando metti le calze quelle lunghe!Prende il mio culo e lo stringe forte, si china e inizia a leccarmi tutta la coscia , ma sempre con sopra i collant, a quel punto gli metto la mano sul suo pene attraverso i jeen e sento un po duro, lui tira fuori il pene e inizia segarlo! non aveva una grosso pene anzi era piccolo! glielo prendo in bocca come avevo fatto con valerio. volevo a tutti costi liberarmi da quei collant ma lui nn volle e mi prego di restare con le calze si strusciava a me facendo strofinare il suo pene su la mia passerina imbottita da mutandine e collant. Dopo circa un minuto venne sopra le mie calze. mi prego di andarmene. da li non lo rividi piu.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 78): 4.81 Commenti (12)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10