STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Una spagnola!In campagna con la ragazzinaFantasie tra donne IIuna esperienza fantastica al mare!!!Vacanza a CretaSimonaIl mio giovane bossMia suocera
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

orgia universitaria
Orgia universitaria
Ne avevo parlato tante volte alla mia ragazza, Luana, della comitiva di amici miei universitari e delle loro serate molto libertine, serate a cui io chiaramente non avevo mai partecipato in quanto fidanzatissimo, ma i racconti delle loro scorribande notturne e delle orgette consumate peraltro con le loro ragazze e amiche la lasciavano più che incuriosita molto eccitata, nel senso che avevo la sensazione che Luana non credesse poi fino in fondo a questi racconti ma comunque la eccitavano parecchio tanto da domandarmi di tanto in tanto cosa avessero fatto i miei amici visto che lei ne conosceva uno in particolare perchè vecchio amico di scuola.
A dirla tutta neanche io credevo fino in fondo a ciò che mi raccontavano ma anche a prenderne una minima parte le loro storie erano alquanto eccitanti.
Il caso volle che ci incontrammo tutti in una festa di laurea e quindi Luana potè dare un corpo a quelle persone dei racconti, potè constatare come era lontano quell'ambiente dal suo, lei dopo il diploma aveva trovato subito un ottimo lavoro ben retribuito ed era ben lontana dalla realtà che si vive nell'ambiente universitario, si accorse subito come i rapporti tra i due sessi erano molto meno impegnativi e come molti ragazzi e ragazze in quella festa avessero la testa fra le nuvole senza nessuna particolare responsabilità o progetti per il futuro. Ma si integrò bene nel gruppo e dopo la cena non esitò ad accettare un invito di un ristretto gruppetto ad andare nell'appartamento di Luca, il suo vecchio compagno di Liceo, a bere qualcosa e a mettere in atto quell'insano proposito di cui si era parlato incessantemente durante la festa di cui ora parlerò: premetto che i discorsi piccanti e le allusioni erano fioccate copiose durante la serata ma l'argomento principe era stato che Chiara, una ragazza giovanissima al primo anno, aveva candidamente affermato che non aveva mai fatto sesso anale e questo aveva provocato diciamo un'aria di sfida o meglio di proposte indecenti da parte dei maschietti in particolar modo di Luca che sensa ombra di imbarazzo le aveva detto che le avrebbe sverginato il culo la stessa sera, e la ragazza di Luca, Serena, rincarava la dose dicendo che il suo ragazzo era munito di un bel grosso calibro e che le ragazze della comitiva erano state tutte sodomizzate da lui! Insomma visto la pesantezza dei discorsi quasi sfocianti nel turpiloquio non era pensabile che si dicesse sul serio! Chiara era una ragazzina imbranata, non brutta ma vestita scialba, con degli occhiali spessi e fuori moda su un visetto bianchissimo e lentigginoso, piccola di statura quasi esile ma molto intelligente; la conoscevo da un pò in quanto conoscevo il suo ex ragazzo, lei si era appena iscritta al primo anno mentre io mi ero già laureato da 2 anni, ecco perchè conoscevo bene l'ambiente. Attualmente libera Chiara si stava timidamente aprendo alle frequentazioni avendo avuto un'unica lunga storia con il suo ex.
Uscendo dalla festa ci incamminammo tutti a piedi in quanto la casa di Luca distava un pò ma non troppo e Luana camminando mi diceva: ma tu ci credi davvero che Luca ... non riusciva neanche a pronunciare la frase, che Luca inculi Chiara? rispondevo io, ma sai mi sembra tutto inverosimile, ma mi và di andare mi sto divertendo. Anch'io mi sto divertendo disse Luana, con voce non tanto affannata dalla camminata veloce ma eccitata dalla situazione.
Arrivammo nell'appartamento di Luca, un bilocale accogliente ed intrigante, chiusa la porta ci ritrovammo in sette: io. la mia ragazza Luana, Chiara che era l'unica single, Luca e la sua ragazza Serena, ed un'altra coppia di fidanzati molto affiatati con Luca e Serena di cui mi ricordo il nome solo di lei, Anna, una gran gnocca!
Luca fece subito il padrone di casa versando da bere a tutti con fare concitato e con mio grande stupore si tolse i pantaloni e le mutandine facendo svettare imperioso il suo cazzo duro, si sbottonò tutta la camicia ma non la tolse e cominciò di fronte a noi a masturbarselo, non è che fosse tutto quel gran cazzo di cui parlava la sua ragazza ma faceva un'ottima figura, io e Luana eravamo sbigottiti, inebetiti, e subito dopo si avvicinò a Chiara che era seduta sul divano a sorseggiare forse l'unico succo di frutta che aveva trovato in frigo, tutti gli altri avevano in mano un superalcolico, con il suo cazzone nella mano lo puntò verso il suo viso e verso la sua bocca, ma Chiara rossa paonazza imbarazzatissima si coprì il viso e Luca gli strusciò il pene in viso e sempre con la mano sul cazzo usandolo come un arnese tipo manganello cominciò a picchiettarla con il pene sulle mani che ora coprivano il viso. Serena incitava il suo ragazzo con frasi : scopala la troietta non vedi che sta morendo di voglia!
Dopo tali scene il minimo che mi potessi aspettare era che Chiara si alzasse e se ne andasse di corsa, ma non credevo ai miei occhi vedendo la sequenza successiva, ovvero Luca le tolse gli occhiali e la tirò sù in piedi, le strappò la gonna lunga verso i piedi, le strappò pure i collant che si sfilarono con le mutandine e misero a nudo il ciuffettino di peli biondissimo della fichetta di Chiara, contestualmente le due ragazze Serena ed Anna la tirarono giù all'indietro sul divano e continuarono a spogliarla liberandola da golfino e reggiseno: Luca gli si parò davanti si sputò abbondantemente sul cazzo e con la mano se lo inumidì tutto, Chiara stava con le gambette chiuse ma Luca le disarcionò con forza puntò il suo cazzo nella fichina con una mano e con l'altra le teneva una coscia aperta si dimenò non trovò subito la strada in quanto Chiara si chiudeva a riccio gridando: nooo sei uno stronzo! Ma a quel punto Luca le era dentro e cominciava a pomparla come un forsennato, da subito appena entrato nel corpo di Chiara cominciò a romperle letteralmente la fica con colpi possenti senza delicatezza alcuna, Chiara era trafelata ma mugugnava adesso frasi oscene come: fottimi stronzo, vuoi fottermi come una puttana vero? Sì piccola troia ti voglio così! E Chiara visibilmente ebbe un lungo e possente orgasmo che la rese un tantino meno collaborativa, ora le sue cosce erano oscenamente divaricate a prendere il cazzo di Luca. Ma appena diventò così remissiva Luca tirò fuori il suo membro, le diede dentro un paio di colpi entra ed esci poi la prese la girò e la spostò al centro della stanza ove c'era un tavolo la reclinò in avanti a pecorina stendedola con il ventre sul tavolo a 90 gradi, gli sputò sul culetto e infilò dentro l'ano un dito, Chiara gridò: nooo! ma non si spostò da quella posizione oscena, Luca appoggiandole la cappella sul culo disse: sei proprio stretta sarà un piacere sverginarti il culo, ti avevo detto che stasera lo avrei fatto!
Si piazzò dietro a gambe larghe una mano sul pene duro e l'altra a cingerle la natica per farla stare ferma e cominciò a roteare con la mano il cazzo cercando l'orifizio, cosa che non fu facile perchè appena insisteva per entrare Chiara gridava quasi a squarciagola: no! ti prego no, non riesco a prenderlo! mi fai male! Fu allora che Serena tirò fuori dalla borsetta un tubettino di crema lubrificante e ne spalmò un pò sul culo di Chiara infilandole delicatamente il medio con le sue unghia lunghe e curate dentro l'ano e dicendo: fai piano caro la ragazzina è sigillata! Poi sbocchinò un attimo il cazzo del suo ragazzo insalivandolo e preparandolo all'inculata.
Luca fu invece alquanto rude, furono tanti i tentativi e le grida atroci di Chiara, fino a quando di botto il cazzone entrò accompagnato da un urlo di gola quasi gutturale della povera Chiara che si riotrovò l'arnese per metà dentro. Noi eravamo ad assistere alla scena tutti intorno a pochi centimetri sbalorditi, io vedevo perfettamente il cazzo di Luca adesso fermo dentro il culo serrato all'inverosimile, Chiara piangeva, o meglio gli erano spuntate copiose le lacrime che avevano sporcato tutto il suo viso con il trucco che si scioglieva, Luca stette un pò fermo e poi cominciò piano a scoparla ora infilandole tutta l'asta nel culo ora facendola quasi fuoriuscire godendosi tutta la lunghezza del tratto anale della ragazza. Gli altri incitavano e guardando la mia Luana di sfuggita vedevo che si mordicchiava il labbro inferiore e si toccava senza farsi notare la fica attraverso i geans, era arrapatissima la conosco bene ed intuivo che aveva una gran voglia di cazzo.
Luca adesso sbatteva letteralmente la piccola Chiara pompandole vigorosamente il culo, nel divano nel frattempo non avevo notato che Anna si era denudata del tutto mostrando le sue tettone enormi e restando solo in perizoma, Serena invece era completamente nuda e venne ad appoggiarsi sul tavolo assieme agli altri due amanti, bastò uno sguardo verso il ragazzo di Anna di cui mi sfugge il nome e come una scena già recitata, si vedeva che era una quadriglia affiatata, Lui sfoderò il cazzo e glielo ficcò subito nel culo.
La scena ai nostri occhi era ora la seguente: Serena veniva inculata dal ragazzo di Anna con classe e sinuosità, si reggeva sulle sue scarpe a tacchi altissimi, roteando il culo e con una gamba allargata che veniva retta dalla coscia dalla mano di lui, una scena elegante; Chiara che stava invece a piedini nudi a terra tenendo sulle punte in quanto minuta non arrivava bene al tavolo, le cosce chiuse come a difendersi, unite le ginocchia ma leggermente divaricate le caviglie, subiva i colpi del cazzone di Luca che la stava sventrando, la scena era come quella del tipo l'orco scopa biancaneve; ma adesso i suoi erano lamenti ovattati tipo hoo hoo piano, sii, fottimi, fottimi, ti piace il mio culo stronzo! E fu a quel punto che la gran puttana di Anna si inginocchiò e con la mano andò a solleticare la fichetta di Chiara che sbrodolava vistosamente, Chiara dopo pochi minuti ebbe un orgasmo spaventoso con rantoli e sussulti che trascinò Luca all'orgasmo anch'egli, tirò fuori dal culetto di Chiara il cazzo e le venne copiosamente sulla schiena sui glutei e non disdegnò pure di reifilarlo nel culo per scaricare le ultime gocce.
Luca si spaparanzò a gambe e braccia aperte stremato sul divano mentre Serena adesso lo prendeva in fica sempre da dietro, io non potei fare a meno di sollevare Chiara visibilmente sfatta e accompagnarla sull'altro divano, non riusciva quasi a tenersi in piedi ma era ancora molto sensibilizzata, eccitata, fu una cosa istintiva quella che feci cercando di ripulirla con le mie mani dallo sperma e quando la mia mano arrivò all'interno coscia lei guardandomi con i suoi occhioni lucidi e stravolti mi disse: siiii! Non capii più nulla non mi guardai indietro neppure a vedere lo sguardo di Luana, mi sfilai i pantaloni in un batter d'occhi e mi piazzai sopra di lei infilandola subito in quella fichetta slabbrata e caldissima quanto accogliente. Mi misi sopra di lei alla missionaria e lei mi dispensò di un abbraccio che non riesco a descrivere, la scopai a lungo con una voglia fuori dal comune, ma delicatamente, affondandole si il mio cazzo con decisione ma dispensandola pure di baci con le lingue voluttuosamente intrecciate e quando fui al colmo sborrai dentro di lei senza neppure pensare e Chiara venne contemporaneamente. Rimanemmo così per un tempo indefinibile, con il pene dentro di lei e la fichina piena di sborra, quando mi ripresi notai che nella stanza non c'era nessuno, si erano spostati tutti in camera da letto, entrammo con Chiara tenendoci per mano e... visione incredibile: la mia Luana stava sotto il ragazzo di Anna che la montava vigorosamente, lui silensioso e lei che gridava come un'ossessa: siii, godoo, scopami, trombami! Le sue gambe erano divaricate e vedevo benissimo il cazzo che andava sù e giù dentro la sua micina, è uno spettacolo disse Serena, sai vanno avanti così da parecchio, ma non lo finì di dire che lui sborrò chiassosamente dentro il ventre della mia Luana che aveva avuto orgasmi a raffica, tirando fuori il cazzo vidi perfettamente l'enorme quantità di sperma che colava dalla fica della mia bella e la scena mi attizzò parecchio, sentìì una vampata calda al ventre che mi fece diventare duro il cazzo, il ragazzo non sazio si spostò verso la bocca di Luana con il pene più mollo per farselo ripulire per bene. Luana come una vera vacca glielo ingoiò quasi tutto ripulendolo per bene. Luca nel frattempo che guardava si segava velocemente, il suo cazzo non era durissimo ma si buttò lo stesso sopra la mia Luana infilandoglielo in fica senza problemi, la troia di Luana lo prese avidamente e ricominciò ad ansimare come una vacca in calore. Avevo capito che i due erano fortemente attizzati dalla "carne fresca" in questo caso Luana e Chiara, trascurando notevolmente le loro ragazze che erano veramente più vacche e più bone della mia e di Chiara, decisi quindi di approfittarne e acchiappai subito Anna per le enormi tette, incredibile solo qualche ora prima non avrei mai creduto di potermi fottere una ragazza così bella e statuaria, il mio cazzo era durissimo e lei si prostrò a farmi un pompino magistrale ma non mi bastava proprio per sfogare le mie voglie nascoste, quindi la girai e la inculai subito, come quando il tempo scade e devi sbrigarti a fare qualcosa, come se se ne pentisse da un momento all'altro. ma subito dopo mi tranquillizzai perchè lei ansimava e mi chiedeva di incularla più forte e più a fondo, incredibili e mai provate sensazioni simili, era bellissima con un culo fantastico praticamente largo e sfondato ma tanto accogliente, Serena si posizionò anch'essa a pecorina invitandomi ad inculare pure lei, cosa che feci subito passando dal bel culone di Anna a quello di Serena già sapientemente preparato e lubrificato, Serena era la più rotta delle due ma non aveva nulla da invidiare ad Anna era bellissimo inculare pure lei anche perchè era una maestra dell'eros in quanto mentre le facevo il culo lei si sditalinava con classe fino a raggiungere orgasmi ripetuti che mi facevano andare fuori di testa visto che ero io a procurarglieli, era diventata talmente calda che non potei fare a meno di sfilare il membro dal suo culo per infilarglielo in fica sempre da dietro. Lei urlò: siiiiiiii, un si liberatorio che le fece arrivare un altro orgasmo. Nel frattempo nell'altro lato del letto la mia Luana era adesso sopra Luca, ma aguzzai la vista e vidi chiaramente che il cazzo di Luca era dentro il culo della mia amata, lei si era impalata e anch'essa stava godendo del tanto famoso cazzone di Luca dentro il suo retto. Stava provando finalmente l'oggetto del desiderio della serata, Luca rivolgendosi a me mentre continuavo a pompare la sua ragazza nella fica mi urlò guarda Carlo come te la inculo, te la sfonderò per bene prima di restituirtela e dicendolo la girava per incularla più profondamente.
Anna si era sdraiata in un lembo del letto con le sue meravigliose cosce aperte e le sue enormi tette invitanti, al che lasciai la fica di Serena per godermi Anna alla missionaria: non avevo mai scopato una ragazza così bella con delle tette così grandi e sode, gli infilai il cazzo in fica a da lì non uscii più fino a quando sborrai in maniera liberatoria dentro la sua accogliente fica mentre le sue tettone invadevano tutto il mio petto!
Restai dentro di lei a trastullarmi e riposarmi un pò e notavo che il ragazzo di Anna si stava masturbando ossessivamente in quanto Luca aveva sfilato il cazzo dal culo della mia bella e aveva sborrato copiosamente con grandi schizzi in bocca alla mia Luana, lasciando libero il culo di Luana che adesso avrebbe avuto un'altro ospite. Non vidi più nulla in quanto andammo nell'altra stanza ed in bagno a rinfrescarci mentre il ragazzo di Anna scopava il culo a Luana.
Sentii dall'altra stanza più tardi i rantoli del ragazzo che veniva e le grida oscene di Luana, mentre Luca entrava nella stanza dicendo: l'ha proprio rotta la tua troia!
Di ritorno a casa ci offrimmo a dare un passaggio alla piccola Chiara, ridevamo in auto per lo stato di Chiara che non riusciva proprio a sedersi, ma era visibilmente appagata, soddisfatta, come era appagata Luana anche se voleva darsi un contegno e non voleva farlo apparire, dopo un breve silenzio sbottai io dicendo: Ho scopato tutti gli orifizi oggi tranne uno, le due ragazze mi guardarono incuriosite, tranne il tuo culetto cara la mia Chiara! Chiara portò la sua mano al suo sedere e disse: certo non oggi, il che fù un chiaro invito a farselo scopare in seguito. Luana mi diede una gomitata per la mia sfrontatezza e disse: caro i miei buchi non li hai scopati, ma li hanno scopati per bene gli altri due stalloni! Chiara con una ingenuità disarmante aggiunse: certo che il mio ex ragazzo non mi prendeva così, ma mi sono divertita tanto oggi, è stata un'esperienza pazzesca! con la piccola Chiara ci demmo appuntamento nel prossimo fine settimana, quindi prestissimo visto che eravamo già a metà settimana, per cenare assieme e... fare qualcosa di piccante in tre.
Scesi dalla macchina per salutarla Luana la abbracciò affettuosamente, io la baciai con la lingua voluttuosamente e le palpeggiai abbondantemente il culetto come a dire: Sabato te lo scopo io!
Chiara ancora oggi che è felicemente fidanzata, anche se è passato qualche anno, non disdegna di deliziarci di appassionate notti a tre in attesa di convincere il suo uomo a partecipare!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 110): 7.24 Commenti (3)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10